Diary, Model, Modelsharing, Shooting

Shooting con Elisa Straccali – Fotografo Gabriele Rigon e Alessandro Vetrugno

L’Attesa
Model: Elisa Straccali
Photo: Gabriele Rigon
Art Director: Gabriele Rigon
Assistant: Alessandro Vetrugno
Location: Residenza Widman (Viterbo)

Per la prima volta apro un mio post con le immagini di un altro fotografo, e che fotografo. In realtà si tratta di un amico, oltre che collega, ma soprattutto uno di quelli che mangia Fotografia da anni. Lui è Gabriele Rigon.

Tutto è cominciato con lo shooting insieme a Elisa Straccali, in cui vidi in lei una perfetta musa per Gabriele. Infatti, quel giorno, durante la pausa pranzo, le parlai di lui e lei fu particolarmente colpita dalle foto di Gabriele e le primi che avrei mostrato le nostre foto a lui convinto che avrebbe scaturito in lui una buona dose di interesse nel fotografarla.

A volte, ti sembra di vivere in un film, si perchè….quando ti rendi conto di essere seduto allo stesso tavolo nello stesso bar, e quindi nello stesso luogo, a distanza di settimane dove in precedenza parlavi di una persona e poi …..ecco, te la ritrovi lì…..bhe, fa un certo effetto. Era proprio quello che era accaduto. Eravamo io, Elisa, Gabriele e Alessandra, seduti a chiacchierare lì allo stesso tavolo dove un pò di tempo fà eravamo seduti noi tre,…..senza Gabriele, ma parlavamo di lui.

Per me è stato un vero piacere che si siano incontrato. Questa volta io non faccio parte dei protagonisti, sono semplice spettatore. Volevo che si incontrassino e che Gabriele accettasse di fotografarla e così è stato.

La giornata non era un granchè ma questo non era un dato negativo, anzi….luce piatta interrotta da sprazzi di luce intensa, vento a volte anche pioggia, freddo tanto che la sagra della castagna in corso…è stato un vero fiasco. Per noi….no, andava tutto a meraviglia.

Una volta pranzato ci dirigiamo sul posto dove ci aspetta una suite in stile molto bella…la stessa in cui ho realizzato “noiseless” qualche mese prima.

Elisa ci mostra tutto ci òche aveva portato e insieme si fanno gli abbinamenti. Gabriele le illustra alcune idee e le mostra alcuni dei suoi video più recenti a dimostrarle che non verranno fatte solo delle bellissime immagini ma che sarà protagonista anche di un  video che potete vedere a questo link.

Si inizia a scattare…Elisa, come sempre, è meravigliosa oltre che una vera professionista della posa. Presto entrano in sintonia e le foto vengono fuori come un vulcano in eruzione. Gabriele sa come gestire una modella, farla sentire a proprio agio e ottenere da lei, e tramite lei, la foto che lui ha in mente.

In realtà il set è un set a 4 mani…Gabriele mi invita più volte a scattare ma sono lì che guardo e con una certa “sudditanza” essere pronto lì se gli servisse una mano con la luce o altro. Effettivamente si scatta tutto in luce naturale, la bellezza così viene preservata e si ottengono immagini più realistiche, mood più convincente anche se la luce è una vaga speranza, anzi. Mi ha fatto onore vede delle somiglianze nel modo di operare che usa Rigon sui suoi set….purtroppo questo non basta per ottenere immagini come lei sue.

Gli scatti vengono di tanto interrotti per realizzare pochi minuti di ripresa video dove cerco di dare il mio contributo come cineoperatore…..mio dio che responsabilità. Alla fine si scatta insieme, Elisa segue perfettamente entrambe dimostrando ancora una volta le sue notevoli capacità di fronte ad un obiettivo.

Si susseguono i cambi d’abito e qualsiasi cosa indossi è perfettamente integrata con la location, il mood, la storia. Quando appare il sole e irrompe nelle stanza lo sfruttiamo come se fosse l’ultimo momento di luce e le foto che vengon fuori sono davvero molto belle.

Gabriele ha portato con se una macchina fotografica per fare delle Polaroid e con quell’attrezzo in mano sembra un bimbo, è meraviglioso vedere l’entusiasmo sul volto di una persona come lui, della sua età (no, non sto dicendo che sia vecchio ma sicuramente non è più un bambino, almeno non fuori), davvero divertente.

Elisa è stanca, sfinita ma fino all’ultimo scatto da il 110% di se. Siamo tutti estremamente soddisfatti dell’esperienza e la nostra giornata di scatti in compagnia si conlcude con un buon caffè, tanti sorrisi, una bella stretta di mano e un bel ricordo di una giornata piovosa, fredda e produttiva. Cosa si può desiderare di più?

Voglio chiudere questo post con i dovuti ringraziamenti. A Elisa, grandiosa come sempre. Grazie ad Alessandra, che per l’ennesima volta ha rischiato di scoprire luoghi sconosciuti grazie al navigatore burlone che le ha fatto percorre vie….campagnole. Grazie alla Direzione della Residenza Widman per la loro ospitalità e gentilezza. Ultimo, ma non ultimo, ringrazio il mio amico Gabriele Rigon, per aver voluto condividere con me questa giornata.

Che bella soddisfazione. 🙂

Standard

3 thoughts on “Shooting con Elisa Straccali – Fotografo Gabriele Rigon e Alessandro Vetrugno

  1. Antonella ha detto:

    Ciao, Alessandro.
    È sempre molto carino leggere i tuoi post, perché sai raccontare bene e in modo semplice le sensazioni esattamente come i tuoi scatti nei quali sei maturato molto ultimamente, e su cui avevo visto giusto da tempo 😉
    Di questa storia, mi ha particolarmente colpita la positività con cui si è affrontato tutto il lavoro nonostante il meteo avverso e le condizioni luce! Questo, secondo me, è ciò distingue bene la stoffa di veri fotografi da quella di “shooters” privi di pathos oltre che, spesso, ahimè, di tecnica.
    Complimenti sinceri.
    Antonella 😉

    • Ciao Antonella, vedo che mi segui costantemente e ti ringrazio per questo. Mi fa altrettanto piacere ciò che scrivi e mi sento di poter confermare tutto ciò che hai detto. Mi ha fatto sorridere la tua ultima affermazione in merito agli “shooters”. Gabriele, mentre eravamo sulla strada di ritorno a casa ha detto: “vedi Ale, con la luce di oggi molti avrebbero rimesso la macchina fotografica nello zaino oppure, i più temerari, avrebbero acceso 4-5 luci. Noi invece abbiamo scattato con NIENTE…e guarda un pò che foto son venute fuori…”

      è vero…..è vero

      • Antonella ha detto:

        Ale: verissimo ciò che disse Gabriele!
        Io ne so qualcosa di shooters “meteopatici” 😉 Assolutamente da stenderci su un velo pietoso, infatti è una scusa per non ammettere che sono piuttosto incapaci, anche con luci o modella diverse.
        Complimenti ancora a tutto il team. Brava e elegante modella, infine.

        A.
        😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...